Dr. House e i superstiti disperati…

Ieri serata di Champion’s league. Ma, come ormai accade da qualche anno, mi è praticamente impossibile seguirla, per ovvie ragioni che non sto ad elencarvi.

Avevo previsto di rivedere un vecchio film datato 1985, Explorers di Joe Dante. Ma poi: Cambiamento di programma, si guarda Dr. House. Devo dire che non amo seguire i telefilm di punto in bianco, nel bel mezzo della serie.Ma questo qui l’ho trovato veramente ben fatto. Distante dalle serie che non possono essere seguite se non dall’inizio (come per "24 ore" o "Lost"), Dr. House ha evidenziato sarcasmo tagliente e  sottile ironia da parte del protagonista. Inoltre, il secondo episodio trasmesso ieri era strutturato benissimo, con dei passaggi tra realtà e flash-back notevoli e trascinanti. E così, tra corsie di ospedale, battute e diagnosi la serata è volata via piacevolmente.

Stanotte ho poi visto la seconda puntata di "Lost", trasmessa lunedì e che, causa un violento acquazzone, non ho potuto vedere prima. Devo dire che le storylines si stanno sviluppando nello stesso identico modo della prima serie, e cioè: in modo da lasciare sempre più punti interrogativi allo spettatore. Credo che questo telefilm andrà avanti per un bel pò, soprattutto se l’interesse suscitato negli spettatori dovesse restare così alto.

 

Annunci

Dawson’s creek

Era il lontano gennaio del 2000. Avevo finito da poco la scuola ed ero poco più di un diciottenne pieno di sogni e speranze. Allora ero preso dall’inaspettato impatto che mi aveva rifilato la trilogia di "Scream". L’avevo trovata grandiosa. Una vera pietra miliare della cinematografia del genere horror-serial killer.

Quasi per caso scorgo sul Tv Sorrisi e Canzoni un articoletto riguardo un nuovo telefilm, in onda nell’imminente futuro su Italia 1, ideato da Kevin Williamson (per intenderci lo stesso sceneggiatore del succitato horror). Una serie tv su un gruppo di adolescenti, alle prese con i soliti problemi adolescenziali. Fin qui nulla di particolarmente esaltante, c’ero già passato con "Beverly Hills 90210". La novità, a detta dell’autore dell’articolo, stava nell’affrontare i temi scottanti in maniera più diretta e con un linguaggio a dir poco "innovativo": non più viziati ragazzini imbottiti di soldi, ma un gruppo di giovani più vicini al ragazzo medio (mantenendo sempre le dovute proporzioni tra finzione e realtà). Dunque una vera novità all’epoca per un telefilm per ragazzi. Il tutto era contornato dall’inserimento di una colonna sonora che includeva pezzi di successo in tutte le puntate, e non solo temi musicali creati dal responsabile per le musiche del telefilm.

Bene, da allora Dawson’s creek con le sue musiche e le sue emozioni è parte integrante della mia vita.  Continuo a seguirlo almeno una volta a settimana, e mi affascina sempre di più.

Decidono loro come dobbiamo vivere…

…E’ così. Inutile negarlo. Siamo tutti vittime del sistema. Sono loro che decidono come dobbiamo vestirci, che taglio di capelli portare, cosa ascoltare e che programmi guardare… Qualcuno la fà franca, ma la maggior parte dei miei coetanei, e sopratutto di quelli più piccoli, seguono questi "stereotipi" dettati dalla società. Una massa indefinita di "zombies" che vagano accecati dalla faro del proiettore della MODA.

E così ti ritrovi ad ascoltare la musica house, che soppianta la vecchia dance commerciale ormai obsoleta. E tutti ad amare l’house… un bidone di tamburelli e ritmi che somigliano più ad una danza indigena dell’era primitiva  che ad un progetto ideato nel nuovo millennio.

Ma io non ci sto. Io continuo ad amare la vecchia dance commerciale. Come direbbe il vecchio Jerry: Chi viene con me?

Unconditional: COMPUTER LOVE

This is your love
Don’t stop
Computer Love

This is your love
Don’t stop
Computer Love
This is your love…

Hey I know maybe sometimes you feel lonely
Gotta hold on gotta have some faith in me
Gonna get you by my side get with me tonight

There’s no one on this earth that knows love so deeply
A thousand light years in between us, but they’ll see
We gotta live so deep, so big I’ll satisfy

I wanna give you light
Looking through your eyes
It feels so right
Looking through your eyes
You get me right
Gotta realize
I breathe my life
Looking through your eyes

I wanna give you light
Looking through your eyes
It feels so right
Looking through your eyes
You get me right
Gotta realize
I breathe my life
Looking through your eyes
Looking through your eyes

I can feel the heat when love’s surrounding me
From the first time cosmic love met totally
Gotta hold on baby get with me tonight

Let the sun in and the stars go guide you and me
Getting right into the heart of destiny
We can leave this world behind and say goodbye

I wanna give you light
Looking through your eyes
It feels so right
Looking through your eyes
You get me right
Gotta realize
I breathe my life
Looking through your eyes 

This is your love
Computer love
This is your love
Computer love
This is your love
Computer love
This is your love
Computer love

Più che uno strumento musicale, un mezzo di compagnia…

Ebbene sì. Anche io, come il buon vecchio Russell Hammond del film, suono la chitarra. Tranquilli… Non sono un gran chitarrista. A dirla tutta so suonarla a malapena. Ma è comunque una bellissima emozione, specie quando il pezzo ti riesce alla perfezione.

E soprattutto in questo periodo dell’anno, quando per strada iniziano a farsi sentire vento e pioggia, mi piace starmene in camera,  a dar voce alla mia "amica" fedele.

E voi, musicisti che vi siete imbattuti nella mia "dimora", in che occasione date sfoggio della vostra bravura? E quali sono le canzoni che preferite suonare?

Prossima fermata: Teatro Agusteo di Napoli (21 Novembre)

E così… Dopo il concerto al Palamaggiò di Caserta e quello allo stadio Arechi di Salerno, mi aspetta un’ulteriore tappa che intersecherà il mio cammino a quello di Ligabue: il concerto tutto acustico del 21/11/2006 al Teatro Augusteo di Napoli. So che ne varrà la pena, so che mi emozionerò ancora. Soprattutto emozionerà "lei".

Ed allora aspettiamo con ansia questo ennesimo evento live del 2006 .

CLAMOROSO: KURT ANGLE IRROMPE NELLA TNA!!!

PREMESSA: Molti di voi di sicuro non sanno della mia irrefrenabile passione per il wrestling. Ma d’altro canto il mio blog è impostato così. A poco a poco imparerete a conoscermi, anche attraverso notizie del genere.

La notizia è quella da non far dormire la notte: dopo aver richiesto il suo rilascio alla Wwe lo scorso 26/08/2006, la TNA annuncia di aver messo sotto contratto lo stesso eroe olimpico!!! Qui potete guardare il promo del suo arrivo in TNA. http://www.youtube.com/watch?v=MmRUAaYSfes&eurl=

IT’S REAL… IT’S DAMN REAL!

Lo scorso sabato si è entrati nella stagione magica…

Non pensate che l’autunno sia una stagione per tutti. Anzi, per molti è la stagione più triste e malinconica dell’anno…Beh, per come la vedo io, è’ proprio da questa malinconia che l’autunno trae il suo fascino. Forse perchè lo sono anche io, malinconico, o forse perchè mi ricorda l’infanzia, quando tornavo a casa da scuola, dopo i turni pomeridiani. Fatto sta che, nel corso dei miei anni, ho fatto dell’autunno la mia stagione preferita. Gli alberi iniziano a spogliarsi  e tutte le strade si ricoprono delle foglie cadute, offrendo uno splendido paesaggio color giallo scuro. L’ora legale fà posto a quella solare e già intorno alle 17 inizia ad imbrunire. Ed alla sera, quando il vento fa sentire la sua voce o la pioggia imbatte sulla terra con tutto il suo impeto, allora è il momento ideale per starsene ad osservarla, in casa o in auto, magari in buona e adatta compagnia.

Ben tornato autunno, anche quest’anno…

Bei tempi di un passato ormai andato…

Memorie di un week-end: niente di speciale.

Sabato piuttosto anonimo. Ultimamente mi sto svegliando presto, nonostante sia uno dei due unici giorni liberi della mia settimana. Non mi dispiace, nè mi pesa. Ho iniziato la mia opera di “trasloco” dei miei interessi impressi su video da Vhs a dvd… Per ora ho passato qualche filmino di famiglia. Poco, tutto sommato. Dovrò rifarmi. Pomeriggio trascorso a vedere il solito Napoli che stenta, osa troppo poco, racimola un sol punto e si becca feroci critiche sullo scarno gioco. Sembra sia in cerca della sua “identità”. Io sono paziente e resto vicino alla mia squadra del cuore. Serata in disco-pub. Non il massimo per me. Ma che ci vuoi fare? Non tutti hanno una passione sfrenata per il cinema. Ed allora via in un turbine di musica (divertente), cibo (non il massimo) e chiacchere banali. Nota positiva: la presenza di uno dei miei più cari amici, che non incontro più con assidua frequenza. Purtroppo.

Domenica maledettamente frenetica. Mattinata al mercatino, dovevo comprare  i dvd registrabili. Traffico, caos, troppo caldo. C’è gente che ama questo genere di stuazioni, non le spaventa restare imbottigliati per più di due ore. Io non ce la faccio. Pranzo caratterizzato da un evento più unico che raro: la presenza dei due miei nonni. E’ trascorso via in maniera inusuale e tutto sommato piacevole. Uno sguardo alla serie A, con un occhio attento al fantacalcio di mio fratello. Serata trascorsa a casa a guardare un film che ha segnato la mia adolescenza e che io considero come il capolavoro del suo genere: Scream. Il titolo di questo post è riferito proprio a questo film, a quando uscì, nell’ormai lontano di quasi dieci anni, 1996. A com’ero. A quando lo scoprii (in ritardo di due anni dall’uscita). Alla bellissima impressione che mi fece. Un film ricco di citazioni, con un colpo di scena finale da mozzafiato. Era un bel periodo.

 

“Tutto… tutto è un film… Un grande e meraviglioso film. Solo che non puoi scegliere il genere…” Billy Loomis

 

La mia top ten CINEMA (I primi 2…)

Ecco un’altro spunto di discussione lasciato dal vostro Russell nel proseguo di questo assolato venerdì di fine settembre…

Ecco a voi, i primi due titoli della mia top ten dei film (da non considerarsi in ordine di preferenza, perchè meritano tutti la prima posizione per me):

  • STAND BY ME: Tratto dal racconto breve "Il Corpo", inserito nella raccolta "Stagioni Diverse" di Stephen King, narra il passaggio dall’infanzia all’età pre-adulta di quattro ragazzini e della loro ricerca al corpo dello scomparso coetaneo, tale Ray Brower. Seguendo le rotaie della vecchia cittadina di Castle Rock, Chris, Gordie, Teddy e Vern vivranno un’avventura intensa che li riporterà a casa più grandi nello mente e nello spirito. Splendide ambientazioni, tra boschi, rotaie e stagni. CITAZIONE: "Gli amici vanno e vengono nella vita, come i fattorini di un albergo…".

  • ALMOST FAMOUS-Quasi famosi: Il regista Cameron Crowe (Jerry McGuire, Elizabethtown), trae dalla sua esperienza adolescenziale lo spunto per girare questo film semi-biografico. 
    Il giovane William, aspirante giornalista di riviste musicali, incontra quasi per caso una rock band emergente in ascesa ed instaura un’amicizia con il leader del gruppo, Russell. Si ritroverà tra groupies, alberghi e dietro le quinte di concerti e scoprirà che lo show business non è così brillante come lo si vede. Superbo "on the road". Per chi ama la musica.
    CITAZIONE: "… Sono un dio dorato! E tu puoi dire alla rivista Rolling Stone che le mie ultime parole sono state… Sono strafattooooo!…"

 

Lost – Seconda stagione

Mi sono appena cimentato nella “costruzione” del mio primo blog… e mi chiedevo… Con cosa cominciare?

Bene.. prendo spunto dalla frase che stamane ho inserito come firma sul mio contatto msn:

 

E’ iniziata la seconda stagione su Fox, e Lost si presenta ancora più avvincente di prima… Che fine ha fatto Walter? Chi è il losco individuo che vive nella botola? Che fine faranno Jack e Lock?

 

Solo il tempo ci darà delle risposte….